DA PRINCIPIANTE A TRADER NEL FOREX

COME CRESCE UN TRADER

Il mio primo approccio al mondo del trading è datato 1999 quando stava iniziando la cosiddetta “bolla internet”, le famose Tiscali stavano facendo il loro ingresso nel mercato e tutti stavano diventando traders professionisti in un momento storico in cui si guadagnava anche solo comprando bicchierini di carta! Come tutti, iniziai anch’io a smanettare sulle prime piattaforme (all’epoca soprattutto di banche online) con i relativi promotori che presentavano prospettive meravigliose e grafici ultra tecnologici, della serie: “ora sei libero di gestire tutto da solo” oppure “basta un click sul bottoncino verde e poi un altro su quello rosso per guadagnare 100 mila lire!” o ancora “ti forniamo il book operativo per vedere le variazioni di prezzo aggiornate ogni secondo!“, insomma il paradiso dell’autonomia, del controllo e del guadagno. Peccato però che il paradiso si trasformò presto in un purgatorio e, non molti mesi dopo, in un vero e proprio inferno!

Le Tiscali iniziavano a crollare, cliccare sul bottoncino verde e dopo su quello rosso non bastava per guadagnare e molti titoli del Nasdaq iniziarono a perdere così tanto valore da finire addirittura nel listino di “serie B”; ed io? Io di questi titoli ne avevo uno, tale Xo Group (Xoxo sul listino), che vidi cadere con tale forza da non avere nemmeno il tempo di mediare in perdita (ebbene si…a quei tempi commettevo anch’io tale tremendo erroraccio!); non mi rimase che un solo commento:”non me importa nulla, le tengo fino a quando non saliranno, ci volessero anche 20 anni!” Per la cronaca, pare incredibile, 20 anni sono passati in un baleno ma i titoli non li ho più, li ho liquidati dopo un annetto, esasperato dalla loro lateralità senza fine e con una quotazione che iniziava con lo zero al quale seguiva qualche decimale.

Erano di fatto passati degli anni e avevo deciso di mettere fine allo stressantissimo scalping e “apri e chiudi” 20 volte al giorno, basta! Meglio un’operatività più lenta, tranquilla ma dovevo affinare un po’ di cosette. Avevo già seguito anni prima un bellissimo corso di Analisi Tecnica che mi aveva aperto un mondo, nonché letto diversi libri di guru del settore (parliamo dei vari John Murphy, Martin Pring, Steve Nison ecc), conoscevo tutte le figure di inversione e di continuazione, tutte le candele giapponesi a memoria e vedevo linee statiche e dinamiche ovunque, incluso nella mia tesi di laurea; me la cavicchiavo già con i grafici ma non riuscivo a capire esattamente quali indicatori utilizzare; non potevo farne a meno, li utilizzavano tutti, perché io no! Stocastico, MACD, RSI, Bollinger, incroci di medie mobili (rigorosamente tre); il problema veniva quando trovavo una figura di vendita ma l’indicatore era già in Ipervenduto…che fare? Chi ha ragione, il segnale grafico o l’indicatore? Insomma ci sono voluti svariati anni ma nel 2010 ho scoperto come liberarmi degli indicatori e soprattutto come farlo all’interno di un mercato che prima non conoscevo: la Price Action è la prima soluzione, il Forex la seconda! Via tutte le linee che non siano supporti o resistenze, grafici totalmente nudi, SOLO IL PREZZO; dovevo capire come si muoveva, che logiche seguiva, come reagiva alle notizie, come reagiva ai classici pattern di ingresso (in quel periodo ne utilizzavo ancora troppi!) e soprattutto come avveniva tutto questo all’interno del mercato valutario che è in assoluto il più tecnico e preciso che esista, il migliore per chi fa trading con l’ausilio dell’analisi tecnica. Ci sono voluti anni di pratica e di esperienza per:

  • ridurre gradualmente il numero dei cosiddetti Segnali di Trading e limitarli a 3-4 particolarmente validi;

  • per definire quali metodologie di entrata utilizzare e quando scegliere l’una o l’altra;

  • per imparare come gestire alla perfezione il rischio di ingresso in un’ operazione;

  • per capire quando è il caso di chiudere un trade e quando invece lasciarlo aperto (soprattutto in guadagno, cosa forse ancora più difficile!);

  • sapere affrontare uno o più costi, anche consecutivi, senza impatti psicologici;

  • capire come trarre vantaggio dalle correlazioni di mercato

e, soprattutto, come fare tutto questo accendendo il computer solo una mezz’oretta al giorno, la sera, prima che il mercato chiuda e non più stando davanti al PC ore ed ore! Tutto questo è stato il risultato di anni di pratica e sudore…vuoi alcune dritte?

I “SEGRETI” CHE DEVI IMPARARE SONO POCHI MA FONDAMENTALI:

  • concentrati su pochi strumenti ma molto liquidi e con poco spread;

  • osserva solo il prezzo e cancella tutto il resto;

  • usa solo grafici con time frame “Daily” e lascia stare l’intraday;

  • apri la piattaforma e analizza i grafici solo la sera, quando non ci sono più dati macro e/o notizie;

  • ricorda che i “segnali di trading” vanno trovati e non cercati (è una sottigliezza fondamentale!!) e non in una zona qualunque del mio grafico ma esattamente nell’area di prezzo in cui io li sto già attendendo (stile cecchino!);

  • cerca di imparare a perdere ma perdi meno di quanto guadagni (ricorda che la media di perdite dei Big Traders statunitensi si aggira intorno al 60% di tutti i trades realizzati, eppure guadagnano…chiediti il perché!).

Quanto hai appena letto è un piccolo antipasto di ciò che insegno giornalmente ai miei “Amici del Forex”. Come hai già letto, ci sono voluti anni per fare di tutto quanto sopra una vera e propria strategia operativa.

VORRESTI FARLO ANCHE TU? Non è necessario, L’HO GIA’ FATTO IO PER TE!

Non posso fare trading al posto tuo, ognuno è diverso e ha le sue proprie caratteristiche mentali e operative, ma ciò che posso fare è…insegnarti a tradare seriamente, mostrandoti in modo chiaro, preciso e continuativo come io lavoro nella mia piattaforma di trading reale, mostrandoti ogni giorno i miei video serali altamente operativi in cui metto a nudo la mia strategia, i miei segnali di trading, aprendo e gestendo trades su Eur-Usd, Oro, Indici azionari e molti altri strumenti primari; tutto questo con la massima serenità nell’analisi, tranquillità nell’operare e grande oculatezza nel risk management (è fondamentale dato che il conto non va mai bruciato, altrimenti con cosa tradiamo!).

Vuoi imparare a gestire da solo i tuoi risparmi e, pian piano, provare a far diventare il trading un’attività sempre più importante all’interno della tua vita, con tutti i benefici che ne derivano? Non sto parlando di “vivere di trading” (per fare questo ci vogliono delle condizioni di cui, se vorrai, ti parlerò!), ma di pensare al trading come ad un vero lavoro, organizzato in modo serio, con delle precise regole da rispettare, niente fai-da-te, massima disciplina, perfetta gestione delle proprie emozioni. Nessun guadagno facile e nessuna percentuale astronomica millantata nel web; costanza, pianificazione operativa, perdite, pareggi e guadagni in modo da far crescere pian piano il tuo conto!

Oggi siamo sommersi da pubblicità sul Forex, brokers che invitano all’apertura di conti, traders che servono segnali partoriti da robots o che sono più attenti a vendere l’ultimo e-book o a far cliccare i propri iscritti sul link del broker affiliato in modo da convertirlo in “nuovo cliente” ricevendo una bella provvigione e la presenza in qualche meeting o trading tour! La stragrande maggioranza dei traders non considera molti degli aspetti fondamentali sopra evidenziati, quasi nessuno ti spiega nel dettaglio la sua operatività, NESSUNO TI MOSTRA IL PROPRIO LAVORO QUOTIDIANO CON UN PRECISO E PUNTUALE VIDEO SERALE COME IO TI MOSTRERO’ OGNI GIORNO dal lunedi al venerdi, da gennaio a dicembre!

Se appartieni alla categoria di coloro che vogliono guadagnare tutto e subito, possibilmente senza sforzi e senza desiderio di imparare, pensando che nel Trading non si debbano mai avere 3 perdite consecutive…mi spiace, possiamo salutarci adesso e ti invito a consultare le numerosissime pagine di miei competitors “milionari”; se invece vuoi seguire un percorso simile al mio (ma per tua fortuna molto più rapido avendo già io fatto da “cavia”) fatto di pazienza, costanza, perfetto controllo di se, rispetto totale delle regole ecc, sei un ottimo candidato per la mia esclusiva Community di Trading “Amici del Forex”! Ti invito dunque a cliccare su questo link per cambiare il tuo punto di vista sul Trading e comprendere come questa sia un’attività davvero rilassante, gratificante e appassionante!

TI ASPETTO!

Maurizio

Grafico Price Action